Peugeot 307, «squalo» dallo spirito libero
LA NOVITA’ / Tre motori a benzina, a partire da 14.200 euro. In 19” diventa coupé cabriolet
25/07/2005 8.37.00
Dal nostro inviato DIGIONE (FRANCIA) - Eccolo lì lo «squalo» con la sua grande bocca aperta, pronto a divorare chilometri in grande tranquillità e sicurezza, uniti al comfort per una guida piacevole. E lo spirito libero (Esprit Libre) è tutto in quei 19 secondi che trasformano lo «squalo» in una elegante coupé cabriolet che ti lancia nel vento e ti seduce per la cura nei dettagli: dalla strumentazione sportiva alla linea aggressiva, dal nuovo impianto automatico di aria condizionata bi-zona alla radio RD4 mono CD-RDS con 6 altoparlanti, dal volante in pelle ai sedili riscaldabili. Stesso discorso per la berlina che presenta stile (nuovo frontale in linea con la nuova identità Peugeot inaugurata con la 407) e contenuti tecnici innovativi (motori a 16 valvole Euro 4) e si inserisce nel cuore del segmento M1 che dopo il B, è il più importante del mercato della casa francese (vale il 27,2 %) che si rinnova dopo 4 anni di successi (2,2 milioni di vetture costruite, il 77% delle quali vendute in 130 Paesi, l50mila solo in Italia, praticamente lo stesso volume della 306 in 10 anni). La nuova 307 ripropone l’architettura «semi-alta» della versione precedente e offre un’ottima sintesi tra abitabilità e compattezza, con comfort di alto livello, come abbiamo potuto verificare dalla prova su strada, ricavandone anche un’ottima sensazione di tenuta soprattutto in curva e di piacere e sicurezza di guida (freni pronti ed efficienti). La nuova gamma presenta la berlina a 3 e 5 porte, la coupé cabriolet e la Station Wagon con tre motorizzazioni. Il motore 1.4 a 16V eroga 90 cavalli a 5. 250 giri e ha una coppia massima di 133 Nm a 3.250 giri. A partire da 2.000 giri, dispone di una coppia di 118 Nm, quasi il 90 % del valore massimo disponibile. L’asse a camme di aspirazione ha un sistema di distribuzione a fasatura variabile (VVT) che lo rende più versatile e potente. Questa unità equipaggia le berline a 3 e 5 porte e la Station, ed è abbinata esclusivamente ad un cambio manuale a 5 marce. Il motore 1.6 a 16V eroga 110 cavalli a 5.800 giri con una coppia di 147 Nm a 4000 giri. Dispone dell’85% della coppia massima da 2.000 giri e del 95% (140 Nm) da 3.000 a 5.500 giri, equipaggia le versioni berlina a 3 e 5 porte, Station, 5W e CC ed è disponibile con cambio manuale a 5 marce ed automatico con comando Tiptronic-System Porsche, ad eccezione della CC. Infine il motore 2.0 a 16V eroga 138 cavalli a 6.000 giri. «La 307 si inserisce nel segmento che noi chiamiamo M1 - ha detto Christophe Bergerand, amministratore delegato di Peugeot Italia - in cui sono presenti praticamente tutti i Competitors e che nel corso del 2004 ha visto il rinnovo di quasi tutti i modelli concorrenti. L’aggiornamento stilistico della nostra Esprit Libre si rendeva quindi necessario, anche per adeguarci alla nuova identità dei nostri prodotti. Approfittiamo dell’occasione per migliorare ulteriormente il nostro posizionamento nei confronti della concorrenza». E in termini di competitività i prezzi sono veramente significativi, come ha ricordato Patrizia Sala, direttore relazioni esterne Peugeot: «Il modello di entrata si chiama Zenith e sarà disponibile su berlina 3 e 5 porte e Station. Il prezzo della 307 Zenith berlina 3 porte è di 14.200 euro con motore 1.4 16v benzina. Come confronto, occorre tener presente che erano 14.420 per la corrispondente “attuale” versione, a parità di motore e allestimento. Troviamo poi la X-Line, anche qui Berlina, Station e anche versione d’ingresso per la SW Il delta prezzo rispetto alla Zenith è di soli 900 euro, ma il valore del contenuto prodotto che arricchisce la X-Line è decisamente superiore a questa cifra. Al di sopra, abbiamo un polo “comfort” rappresentato dalla XT, berlina e station, e uno ‘sportivo’ costituito da XS - berlina, station e SW-, Speed’up - berlina e SW -e, al top, troviamo la berlina Feline». Per quanto riguarda il coupé, la versione 1.6 costa 23.100 euro (benzina) e 26.700 (diesel), quella 2.0 costa 24.400 euro (Tecno) e 29.200 (Feline). La Gazzetta del Mezzogiorno - 25.7.2005
Felice de Sanctis
Copyright© 2006 Felicedesanctis.it .Tutti i diritti riservati. Powered By Pc Planet